Sarzana, che Botta!

« l’urbanistica degli imprenditori. Essi pensano e realizzano, senza nasconderlo, per il mercato, in vista di un profitto. La novità, il fatto più recente, è che essi non vendono più alloggi o immobili, ma urbanistica. Con o senza ideologia, l’urbanistica diventa valore di scambio »

LeFebvre (1968)


Raccolta rifiuti: Spezia premiata, Sarzana multata. Pagheremo 20 per cento in più

Per non aver compiuto alcun progresso nella raccolta differenziata dei rifiuti Sarzana pagherà per il conferimento in discarica una maggiorazione del venti per cento. Lo ha reso noto l’assessore all’ambiente della Regione Renata Briano. Incentivi andranno invece a quei Comuni “virtuosi”, che hanno ottenuto risultati positivi. Questi comuni sono stati divisi in cinque fasce, in base ai risultati ottenuti o in valore assoluto o in incremento percentuale.
Diciamo che in provincia della Spezia nessun comune figura tra i centri con oltre il 45 per cento di raccolta differenziata.
Occorre arrivare in terza fascia ( (differenziata tra il 25 e il 30 per cento e incremento in un anno del 5 per cento) per trovare Portovenere. Nel quarto gruppo (differenziata tra il 30 e il 35 per cento, ma incremento limitato al 3 per cento) si trova Framura.
E nel primo gruppo? Solo La Spezia. Sì, il comune capoluogo ottiene il risultato in assoluto migliore tra i capoluoghi di provincia (staccando anche Genova di quasi il dieci per cento) e registra un incremento del 2 per cento rispetto al 2010. La battaglia per la raccolta differenziata è stata uno dei fiori all’occhiello della prima giunta Federici, che aveva dato mano libera all’assessore Laura Ruocco, che in cinque anni ha portato La Spezia dal 21 per cento di raccolta differenziata a sfiorare a dicembre il 40 per cento, toccando nei popolosi quartieri dove è stata avviata la raccolta porta a porta l’astronomico (per la nostra provincia) risultato del 70 per cento di differenziata.

Laura Ruocco

Con grande coerenza Federici ha liquidato l’assessore Ruocco, troppo in distonia con l’andazzo della Provincia (l’ente che dovrebbe coordinare i piani dei rifiuti) e di Acam Ambiente. C’è chi tra gli ambientalisti ha letto questa scelta come un cedimento alla lobby (molto influente nel PD) che vorrebbe risolvere il problema dello smaltimento dei rifiuti bruciandoli nella centrale Enel di Vallegrande, alla faccia dei pericoli della salute per l’emissione di diossine.
E Sarzana? Sarzana non è neppure in purgatorio: è all’inferno. E’ andata indietro come i gamberi. Debitrice nei confronti di Acam Ambiente, non è in grado di alzare la voce come ha fatto Spezia. Ogni volta che il sindaco Caleo alza la voce contro il servizio di raccolta (una vera schifezza) ottiene grandi titoli sulle pagine dei giornali locali, ma nessun effetto concreto.  In via Piave fanno spallucce.

L'assessore Massimo Baudone

L’assessore all’ambiente Massimo Baudone ha annunciato per l’ennesima volta l’avvio della raccolta differenziata porta a porta. Parte a dicembre da Marinella, il quartiere più disabitato nei mesi invernali. La Spezia partì dai quartieri di Levante, i più popolati.
Insomma siamo al  “facite ammuina”. Intanto i sarzanesi devono mettere mano al portafoglio: direttamente (con la Tarsu) o indirettamente (con le altre imposte comunali) dovranno pagare il 20 per cento in più per smaltire i rifiuti urbani.

Informazioni sull'articolo

Data
sabato, 30 giugno 2012

Tags

1 commenti per “Raccolta rifiuti: Spezia premiata, Sarzana multata. Pagheremo 20 per cento in più”


  1. Laura Lazzarini scrive:

    Un aneddoto: durante uno degli ultimi nostri banchetti mi si è avvicinato un signore moooolto vicino ai vertici del PD sarzanese, accusando i comitati di essere ostacolo alla politica dello smaltimento dei rifiuti, perchè non permettono di costruire GLI INCENERITORI…Per fortuna non tutti nel PD la pensano così. L’assessore regionale Renata Briano è tra costoro.



Lascia un commento