Sarzana, che Botta!

« l’urbanistica degli imprenditori. Essi pensano e realizzano, senza nasconderlo, per il mercato, in vista di un profitto. La novità, il fatto più recente, è che essi non vendono più alloggi o immobili, ma urbanistica. Con o senza ideologia, l’urbanistica diventa valore di scambio »

LeFebvre (1968)


La città “di Botta” estranea all’evoluzione di Sarzana

Il 13 giugno 2009 si è svolto a Pisa il convegno “Darwinismo architettonico” .

Riportiamo un breve sunto e commento dei temi trattati nel convegnonella consapevolezza che il disagio e l’opposizione espressi da molti cittadini nei confronti del progetto Botta siano anche l’ espressione della mancata corrispondenza fra le soluzioni proposte dall’architetto Botta e le esigenze di espressione e realizzazione della loro individualità, dei loro valori , dei loro bisogni, della loro storia.

Il luogo in cui un individuo vive dovrebbe essere quello in cui egli riesce ad esprimere se stesso, le sue esigenze, la sua armonia interiore, in cui l’ambiente esteriore sia in qualche modo espressione del suo “ambiente interiore”.

Leggere QUI il resoconto del convegno redatto dalla Dott.ssa Simona Giorgi

Informazioni sull'articolo

Data
mercoledì, 24 giugno 2009

Tags

1 commenti per “La città “di Botta” estranea all’evoluzione di Sarzana”


  1. Il comitato scrive:

    Chi la vuole infatti?
    Non i veri sarzanesi o quelli che hanno a cuore la città.
    Laura Lazzarini



Lascia un commento