Sarzana, che Botta!

« Se le amministrazioni non rappresentano più gli elettori, cambiamoli questi benedetti elettori »

Corrado Guzzanti


Sarzana vista da Silvia Montefoschi

La qualità dello stile di vita di Sarzana deve rispecchiarsi nella struttura urbana

Silvia Montefoschi, medico e psicoanalista di formazione junghiana, autrice di numerosi volumi editi da Feltrinelli, Garzanti, Cortina e Bertani, membro fondatore dell’Associazione italiana di psicologia analitica, è approdata a Sarzana nel 2003 dopo aver svolto la sua attività tra Milano, Genova e Torino.

Ci propone alcune riflessioni sulla struttura urbanistica e architettonica della nostra cittadina e sulla loro corrispondenza con la struttura sociale, le abitudini relazionali e lo stile di vita dei suoi cittadini.

Stile di vita che è sicuramente di qualità superiore rispetto a quello convulso e anonimo delle grandi città e che cattura e affascina anche chi, come lei, era arrivata col pregiudizio negativo dei limiti del piccolo centro di provincia.

Tutto ciò che lei descrive, e che costituisce la storia e la identità di Sarzana, noi vorremmo difendere opponendoci al progetto Botta che altro non ci sembra se non una applicazione di modelli già pensati e realizzati per grandi centri urbani.

Lo stesso Botta, in più di una occasione pubblica, ha ribadito che il vero committente di un architetto è la storia della città, ma non ci sembra che in questo caso sia stato coerente con questo principio.

Leggere QUI il contributo.

Informazioni sull'articolo

Data
mercoledì, 24 giugno 2009

Tags

Lascia un commento