Sarzana, che Botta!

« Il diritto alla città non è soltanto un diritto all’accesso di quanto già esiste, ma il diritto di cambiarlo. Noi dobbiamo essere certi di poter vivere con le nostre creazioni. Ma il diritto di ri-fare sé stessi attraverso la creazione di tipi qualitativamente differenti di socialità urbana è uno dei più preziosi diritti umani »

Harvey(2003)


Le debolezze secondo Abitare

La rivista ABITARE dà nuovamente spazio alla nostra città con un pezzo di Fabrizio Gallanti. E lo fa partendo dall’immagine simbolo del blog: i palazzoni di Via Muccini.

“Abbiamo già scritto che ci opponiamo al progetto per le sue debolezze dal punto di vista architettonico e progettuale. Riesce a essere aggressivo per ciò che riguarda il paesaggio e lo scempio del territorio, in termini di massa costruita e regressivo per ciò che attiene all’espressione dell’architettura. Per esempio quelle finestrelle a feritoria, incise sulla pelle delle grandi muraglie in mattoni a vista, di cui Botta è un grande sostenitore, non fanno presagire una qualità di spazi interni luminosi e contemporanei. Che dire poi dello spazio a terra, dove le aiuole alberate e il marciapiede non permettono di intuire una ricchezza della vita urbana come quella che si trova nel centro di Sarzana, ma piuttosto una miserevole protezione contro la strada a grande scorrimento (che va verso un futuro radioso) priva di vita per i pedoni. Insomma, che ci ripensino. O meglio, che facciano un referendum pubblico, come in Svizzera, da dove viene Botta. Infatti laggiù ne ha persi parecchi negli ultimi anni.”

Informazioni sull'articolo

Data
venerdì, 27 marzo 2009

Tags

Lascia un commento