Sarzana, che Botta!

« Quando il committente di una città impone case con un’architettura omogenea , l’esito ci appare sordo: le facciate non rispecchieranno più le diverse inclinazioni del gusto individuale(...) ratio medesima della loro bellezza »

Marco Romano


 

A Giova’, che te serve?

Le cronache della Prima Repubblica hanno consegnato alla storia la celebre frase con la quale Andreotti era solito accogliere il suo braccio destro Franco Evangelisti, l’uomo che gestiva il sottogoverno del divino Giulio: “A Fra’, che te serve”? E Fra’ Evangelisti avanzava le sue richieste per sistemare persone, distribuire incarichi, sistemare politici trombati ai vertici di quale lucrosa azienda pubblica da dissestare.

A Sarzana il rampante sindaco renziano Cavarra ha deciso di tornare ai fasti della Prima Repubblica. Dovendo nominare il nuovo vertice dell’azienda agricola di Pallodola ha pensato a Giovanni Destri, rimasto senza scranno dopo l’abolizione delle Province, dimissionario dalla segreteria comunale del PD. “A Giova’, che te serve?” ha chiesto Cavarra e ha servito a Giovanni, impiegato Asl, il posto di presidente dell’azienda comunale.

Informazioni sull'articolo

Data
mercoledì, 28 ottobre 2015

Tags

Lascia un commento