Sarzana, che Botta!

« Nessun dolore resiste quando uno, destandosi tre mattine di seguito, ha nella faccia lo splendore vivificante del sole che sorge »

Le Corbusier


Piano Botta, ruspe al lavoro. Rumori assordanti. Timori per la falda sotterranea

Via Muccini, l'urlo degli abitanti

Dopo l’annuncio trionfante del sindaco Massimo Caleo sull’avvio dei lavori del Piano Botta, ecco le prime conseguenze, assordanti, degli escavatori in azione. Senza alcun controllo della polizia municipale (organo alle dirette dipendenze del sindaco) e dell’Arpal il cantiere delle cooperative coordinate da Abitcoop Liguria ha aperto nel peggior modo possibile: senza alcun rispetto dei cittadini e, presumibilmente, delle vigenti normative sulle emissioni sonore. Da una settimana, denunciano gli abitanti di via VIII Marzo, gli appartamenti sono invivibili: il cronista della Nazione Carlo Galazzo, chiamato sul posto, è stato testimone delle conseguenze di un “terremoto”. Ma a far tremare la terra non era un’onda sismica, ma i mezzi meccanici,escavatori dotati di benne, che stano sistemando le paratie in acciaio (palancole) per realizzare le fondamenta e i parcheggi interrati. Motivo?
Nel sottosuolo c’è acqua. La pioggia non c’entra. C’è una falda. Senza le palancole non sarebbe possibile mantenere il fronte di scavo: il terreno franerebbe. Una volta sistemate le palancole sarà necessario pompare acqua proveniente da sotto. Ma cosa può succedere drenando la falda pesantemente? Si potrebbe produrre un abbassamento dei terreni circostanti con interessamento delle fondazioni dei fabbricati esistenti?
Sono domande che attirano altri quesiti.  Primo: come è stata eseguita la perizia geologica allegata allo screening di VIA? Vi ricordate la polemica del geologo (firmatario della perizia) Massimo Morachioli contro il Comitato Sarzana, che botta! che aveva denunciato le colonne d’acqua viste dai residenti? “Tutto inventato, non c’è falda in pressione”, tuonò su La Nazione Morachioli. Che poi precisò con una lettera al nostro sito (qui).
Oggi pare che le cooperative debbano rinunciare a un piano di parcheggi interrati per la presenza costante di acqua (falda). C’è da sperare che le valutazioni per la sicurezza sismica siano più accurate.
Il Comune dov’è? Mentre gli abitanti di via VIII Marzo erano terremotati dalle ruspe, il Comune dov’era? Il Sindaco è responsabile della salute pubblica. Non ha nulla da dire ad abitanti che non hanno potuto attendere alle normali occupazioni come leggere, studiare, ascoltare musica, vedere la televisione, riposarsi, terrorizzati fino al mal di testa da pavimenti che tremavano sotto i piedi e quadri alle pareti che si muovevano? Perché la Polizia municipale non è intervenuta? Perché non è stato chiesto l’intervento dell’Arpal per misurare il livello dei rumori? Quali disposizioni sono state emanate dall’ufficio tecnico per la gestione del cantiere in termini di sicurezza e vivibilità degli abitanti della zona?
Quanto si è verificato mostra un assoluto disprezzo per i diritti dei cittadini alla salute e alla vivibilità in nome del profitto e degli interessi di colossi dell’economia quali sono ormai le cooperative di costruzione.

______________

Aiutaci a sostenere le spese per il ricorso al TAR contro il Piano Botta!
Sostieni il Comitato.

Dubbi? Mai usato Paypal? E’ semplicissimo. Clicca qui per informazioni.

Informazioni sull'articolo

Data
domenica, 23 settembre 2012

Tags

Lascia un commento