Sarzana, che Botta!

« l’urbanistica degli imprenditori. Essi pensano e realizzano, senza nasconderlo, per il mercato, in vista di un profitto. La novità, il fatto più recente, è che essi non vendono più alloggi o immobili, ma urbanistica. Con o senza ideologia, l’urbanistica diventa valore di scambio »

LeFebvre (1968)


 

La Magra è femmina, il Parco è maschio

In un incontro a Fiumaretta per parlare del fiume lo scrittore Maurizio Maggiani ha detto che si rifiuta di dire “La Magra”. Per lui il fiume è maschio a dispetto di un filone filologico di pensiero. Sicuramente è maschio il Parco. Non perché nessuno oserebbe dire La Parca (dea tutelare della natività), ma in virtù della composizione degli organismi dirigenti dell’ente. All’assemblea della comunità chiamata a eleggere il comitato di gestione erano presenti solo tre donne. Ma una era lì per caso, sostituiva un sindaco altrimenti impegnato.  Le altre due rappresentavano la Coldiretti e l’Ambito della Caccia.

La rampa del ponte della Colombiera spazzata dalla piena della Magra l'anno scorso

La rampa del ponte della Colombiera spazzata dalla piena della Magra l'anno scorso

La politica, quella che s’inventa le quote rosa, l’alternanza maschio-femmina nelle primarie di partito e altre amenità, su ventun posti a disposizione non ha trovato spazio nell’Ente più importante della Vallata per l’altra metà del cielo. Sarà per questo maschilismo che la Magra, fiume femmina, sbotta (straripa) con sempre maggiore vilolenza?

Informazioni sull'articolo

Data
mercoledì, 5 ottobre 2011

Tags

Lascia un commento