Sarzana, che Botta!

« Nessun dolore resiste quando uno, destandosi tre mattine di seguito, ha nella faccia lo splendore vivificante del sole che sorge »

Le Corbusier


 

Sarzana, antica colonia elvetica

TIPICO SARZANESE“Bè, chi la pensa così vada a Lugano”. Al giornalista, che riproponeva i dubbi sui casermoni geometrici in mattoncini rossi del progetto Botta, Bruno Giontoni, presidente di Abitcoop Liguria, padrona di quasi tutto, non ha trovato di meglio che replicare stizzito: vadano a Lugano. Voleva aggiungere: meschini provincialotti sarzanesi. Ma deve essersi ricordato che non è “politicamente corretto”.

In una città normale sarebbe sufficiente una risposta siffatta per liquidare il progetto.

Cosa c’entra Sarzana con Lugano? Non è lo stesso architetto Mario Botta, nel suo predicar bene e razzolar male, a ripetere che ogni città italiana ed europea è un patrimonio in sé di memoria, di storia da rispettare? E allora perché omologare Sarzana, la Liguria con i suoi colori, le terrazze, i tetti spioventi, i portici a Lugano, a Sesto San Giovanni, a Treviso, dove Botta ha realizzato in fotocopia gli stessi palazzi con le stesse forme e gli stessi materiali?

Una città normale avrebbe liquidato Giontoni, mandando lui a Lugano e anche in qualche altro luogo “non politicamente corretto”. Al grido: Giontoni, non vogliamo diventare una colonia elvetico-emiliana! Ma va a ….. studiare storia. Dell’architettura, almeno.

Informazioni sull'articolo

Data
domenica, 29 novembre 2009

Tags

Lascia un commento