Sarzana, che Botta!

« Abitare viene prima di costruire »

Mario Botta, citando Heidegger


Biodigestore Saliceti, costo 55 milioni
Per la Regione è fuori mercato, ma Toti tace

“Costi impianti di biodigestione anaerobica. Investimento per realizzazione dell’impianto da 300 a 400 euro a tonnellata di rifiuti trattati”. La fonte è il Piano d’ambito della Regione Liguria approvato il 6 agosto 2018. Pagina 83. Basta fare due conti: per un impianto da 60.000 tonnellate l’anno di rifiuti trattati un costo tra i 18 ai 24 milioni di euro. Il costo previsto per il biodigestore progettato da Recos/Iren a Saliceti è di 55 milioni di euro. Più del doppio.
A Pinerolo il Polo ecologico integrato costruito nel 2003 è costato 16,6 milioni di euro, occupa 23 dipendenti e ha una capacità di 60.000 tonnellate di FORSU l’anno. A realizzarlo Acea Pinerolese, società del gruppo Iren. Metteteci pure i diciassette anni trascorsi, qualche lievitazione di prezzi, siamo vicini ai 18 milioni indicati dal Piano d’ambito. Ma siamo lontanissimi dai 55 milioni previsti per Saliceti. Il biodigestore è fuori mercato. Chi paga? I duecentomila contribuenti spezzini. Si attendono reazioni dai partiti che proclamano di fare l’interesse esclusivo dei cittadini, i sindacati, le associazioni di categoria delle partite IVA tartassate dalle tasse (TARI).

L’impianto di Prato Sardo a Nuoro. Capacità 10 mila tonnellate l’anno. Costo 4 milioni. Nella nostra provincia tre, distribuiti tra tutte le aree, risolverebbero il problema. Costo 12 milioni. Certo anche i genovesi dovrebbero dotarsi di impianti e non scaricare da noi

Ambiente, salute e portafoglio
Si parlerà anche di costi degli impianti, degli investimenti necessari per chiudere il ciclo dei rifiuti con le diverse tecnologie che la scienza mette a disposizione al convegno organizzato a Sarzana per sabato 22 alle ore 15,30 alla sala della Repubblica dal Comitato Sarzana, che botta! in collaborazione dei comitati No Biodigestore Saliceti, Acqua Bene Comune e le associazioni Italia Nostra, Legambiente e Cittadinanzattiva.. Le relazioni dei docenti universitari Giuseppe Ferrari (igiene e chimica ambientale a Ferrara), Giovanni Vallini (Biotecnologie a Verona), ingegner Giuseppe Vitiello, esperto di impiantistica della depurazione e del recupero dei rifiuti si concentreranno sulle ricadute ambientali, sui rischi, sull’efficienza delle varie soluzioni e sulla loro aderenza ai criteri di sostenibilità ambientale indicati dalla Comunità Europea. Ma i costi faranno da sfondo, perché è interesse della comunità sposare la migliore tecnica, la più sicura al minor costo. Se non altro per non finire cornuti e mazziati.
A confronto tecnologie e costi, interesse pubblico e interessi privati
Le differenze di costi sono anche notevoli. Gli impianti di compostaggio a biocelle, come quelli che abbiamo visto a San Marino, costano meno di un quinto dell’investimento prospettato a Saliceti. Certo, non producono metano. Ma il compost che ne esce, essendo stata selezionata a monte la materia prima (l’organico depurato da residui estranei) e non essendo sottoposta a trattamenti in assenza di ossigeno si caratterizza per maggiore purezza, priva di batteri nocivi come i clostridi. Poi c’è la tecnologia che sfrutta i digestori esistenti presso i depuratori. In questo caso il costo per l’attivazione di un impianto può scendere addirittura ai 4/5 milioni di euro. Gli impatti sull’ambiente sono quelli dei depuratori dei fanghi delle fognature. Si può ottenere metano. Insomma le alternative ci sono. La scelta non è solo tecnica. E’ politica: fare l’interesse della collettività o di un grande gruppo quotato in borsa?

Facebook

Informazioni sull'articolo

Data
mercoledì, 19 febbraio 2020

Tags

Lascia un commento