Sarzana, che Botta!

« Abitare viene prima di costruire »

Mario Botta, citando Heidegger


Parco Magra
e fondi europei
chances di rilancio
per la Tenuta

Nonostante l’illegalità diffusa emersa dall’inchiesta della Regione sui frantoi di ghiaia, che abbiamo documentato in questo articolo http://www.sarzanachebotta.org/2018/01/magra-un-fiume-di-abusi-e-illegalita/, nonostante la continua scoperta di discariche di rifiuti urbani sulle sponde del fiume, risalenti a epoca antecedente l’istituzione del Parco Magra, il consigliere regionale Andrea Costa insiste pervicacemente nel chiederne la soppressione, proponendo di trasferirne le competenze alla Provincia e ai Comuni. Su sua insistenza il Consiglio Regionale ha iniziato a valutare la proposta. Costa finge di non conoscere le conclusioni del Tavolo tecnico regionale sui frantoi di ghiaia. Lungo le sponde del fiume Magra si è consumata ogni sorta di abusi, di violazioni di leggi, di frodi in danno dell’erario pubblico, la cui responsabilità non è ascrivibile all’Ente Parco bensì ai Comuni, ai quali competono autorizzazioni edilizie, vigilanza sulle edificazioni abusive, ordinanze di demolizione di manufatti non condonabili, e alla Provincia, competente per le concessioni del demanio fluviale e per la riscossione dei canoni demaniali, che sarebbero stati utilissimi per finanziare le attività produttive compatibili con un Parco. Per non parlare delle decine di discariche di rifiuti urbani emerse lungo le sponde risalenti a epoche in cui i Comuni non trovavano di meglio che seppellire i rifiuti in alveo. Il danno erariale, in larga parte prescritto, ma consumato, accumulato in decine d’anni di gestione della Provincia somma a un po’ di milioni di euro. Sono fatti che dovrebbero convincere la politica tutta, di centro, di destra e di sinistra, a non abolire il Parco, ma a rafforzarlo, dotandolo di entrate proprie, come i canoni demaniali. Altro che trasferirne le competenze alla Provincia, ente in liquidazione, che per decenni ha mostrato assoluta inefficienza.

La foce del Magra e la Tenuta sono un paesaggio unitario

 Il Parco e l’Europa un’occasione per Marinella
La stessa agonia della Tenuta di Marinella dovrebbe indurre la politica a valutare l’opportunità di allargare il Parco Magra ai territori della Monte dei Paschi proprio per favorirne non solo la salvaguardia dell’incontaminata bellezza, patrimonio fondamentale per ogni programma di sviluppo turistico, ma per trovare le risorse finanziarie pubbliche che incentivino i privati a investire. I parchi sono finanziati dalla Comunità Europea, se sanno presentare progetti di sviluppo agricolo e turistico ambientalmente compatibili. Con le associazioni ambientaliste abbiamo lanciato questa proposta, più economica che ecologica, ma i politici l’hanno lasciata cadere senza confutarla.
A meno che non si voglia abolire il Parco per sanare tutte le violazioni, gli abusi consumati. Sono sanzionati da leggi nazionali urbanistiche, di sicurezza idraulica e idrogeologica, dunque non cancellabili da un consiglio regionale tirando un tratto di penna sul Parco Magra.

 

 

 

 

Informazioni sull'articolo

Data
sabato, 24 marzo 2018

Tags

Lascia un commento