Sarzana, che Botta!

« Il diritto alla città non è soltanto un diritto all’accesso di quanto già esiste, ma il diritto di cambiarlo. Noi dobbiamo essere certi di poter vivere con le nostre creazioni. Ma il diritto di ri-fare sé stessi attraverso la creazione di tipi qualitativamente differenti di socialità urbana è uno dei più preziosi diritti umani »

Harvey(2003)


Un’unica pista ciclopedonale
via Falcinello, stadio, viale Alfieri

La pista ciclabile sul Canale Lunense, che avrebbe dovuto collegare Aulla a Ortonovo, è bloccata a Sarzana e rischia di diventare un’altra incompiuta.
Il blocco deriva da due problemi, uno finanziario e uno tecnico. I denari stanziati sono finiti e l’opera, progettata dalla Provincia, non è stata rifinanziata per le note difficoltà dell’ente. Il percorso è bloccato in via Villefranche anche per un problema tecnico: occorre trovare una soluzione per bypassare la gora del Canale Lunense.
Per questo il Comitato Sarzana, che botta!, che con l’Associazione Oltre! e alcuni cittadini della zona, ha elaborato una proposta alternativa alla strada dello stadio, prospetta di dare un’unica soluzione ai problemi del traffico sportivo in via Paradiso e al proseguimento della pista ciclabile del Canale Lunense (alleghiamo la planimetria e il volantino che distribuiamo).
Da via Villefranche la pista ciclabile potrebbe salire verso lo stadio, imboccare il percorso disegnato dall’ingegner Galletto nel progetto del Comune, che diventerebbe solo una strada ciclopedonale assai meno costosa. Non servirebbe un muro di 2,50, per precludere la vista delle partite, perché basterebbe una rete metallica e una siepe. Il cancello di accesso potrebbe essere chiuso in occasione di eventi sportivi a pagamento. Attraverso la passerella sul Calcandola, che dal 4 giugno 2014 caldeggiamo, la passeggiata pedonale e ciclabile tra i cipressi potrebbe ridiscendere su viale Alfieri.
La Regione, che ha mostrato interesse al progetto del Comitato Botta, potrebbe essere ben interessata a incrementare l’investimento per non mandare sprecati i denari pubblici finora investiti dalla Provincia nella pista del Canale Lunense. La soluzione che prospettiamo è ecosostenibile, coerente con la destinazione dell’area del PRG, non compromette la salubrità della pista di atletica e del campo di basket.
Salvare i filari di cipressi, patrimonio storico e paesaggistico  

I cipressi dietro la porta di calcio del Sussidiario: sono a rischio estinzione!


La proposta è volta a valorizzare un angolo suggestivo di Sarzana col filare di cipressi centenari che il Comune avrebbe già dovuto inserire nell’Albo comunale degli alberi monumentali, recependo la legge regionale 12 del 2015 che recita testualmente: “b) i filari e le alberate di particolare pregio paesaggistico, monumentale, storico e culturale”.  Le potature molto alte delle chiome (per il passaggio di furgoni) e soprattutto il traffico non tutelano questo prezioso scorcio di Sarzana. Inoltre ci piace sottolineare come la proposta sia coerente con gli indirizzi scaturiti dalla Città delle Idee, che l’Amministrazione Cavarra ha avuto il merito di lanciare e che ora, ci auguriamo, non voglia disattendere proprio nei capitoli della mobilità ecosostenibile, del rispetto della natura e del paesaggio.
Confidiamo che nell’assemblea di sabato mattina ci sia dato ascolto senza chiusure pregiudiziali.
Comitato Sarzana, che botta!                                             Associazione Oltre!

 

Informazioni sull'articolo

Data
giovedì, 11 febbraio 2016

Tags

Lascia un commento