Sarzana, che Botta!

« Il diritto alla città non è soltanto un diritto all’accesso di quanto già esiste, ma il diritto di cambiarlo. Noi dobbiamo essere certi di poter vivere con le nostre creazioni. Ma il diritto di ri-fare sé stessi attraverso la creazione di tipi qualitativamente differenti di socialità urbana è uno dei più preziosi diritti umani »

Harvey(2003)


 

De profundis

Si è spento dopo sei anni di agonia il Piano Botta. A nulla sono valse le cure milionarie della Regione, l’affettuoso conforto di Banca Carige, la pietà degli organi giudiziari. Affranti dal dolore il senatore Massimo Caleo, il sindaco Alessio Cavarra, l’ex assessore all’urbanistica Roberto Bottiglioni, l’ingegner Franco Talevi, l’architetto Stefano Mugnaini. Le esequie affidate alle Onoranze Funebri Botta di Napoli. Si raccomanda: non fiori ma denari (per il Comune)

Facebook

Informazioni sull'articolo

Data
giovedì, 26 marzo 2015

Tags

Lascia un commento