Sarzana, che Botta!

« Nessun dolore resiste quando uno, destandosi tre mattine di seguito, ha nella faccia lo splendore vivificante del sole che sorge »

Le Corbusier


 

Botta social club

Gli abitanti che confinano con gli “scheletri” dei palazzi Botta raccontano che gli edifici sono già frequentati da persone senza dimora. Perfetto: i primi piani erano giusto destinati all’edilizia sociale per i meno abbienti. Saltati i parcheggi, saltata la viabilità, saltati il verde e i servizi, almeno un obiettivo del Piano è stato centrato …


Informazioni sull'articolo

Data
sabato, 15 novembre 2014

Tags

Lascia un commento