Sarzana, che Botta!

« Nessun dolore resiste quando uno, destandosi tre mattine di seguito, ha nella faccia lo splendore vivificante del sole che sorge »

Le Corbusier


 

Il segno di Caleo

Col Piano Botta voleva lasciare un segno per i secoli a venire. Massimo Caleo, sindaco e senatore della Repubblica, ha centrato l’obiettivo: un orrido ingresso in una città senza parcheggi, senza servizi, senza piscina pubblica, la scuola storica di viale XXI Luglio dismessa, l’ospedale liquidato, il bilancio comunale dissestato. Un segno indelebile !

Informazioni sull'articolo

Data
mercoledì, 7 maggio 2014

Tags

1 commenti per “Il segno di Caleo”


  1. ale scrive:

    Aggiungo a quanto NON fatto anche quello fatto e che se ne poteva fare a meno:
    € 480.000 per l’impianto di illuminazione del Miro Luperi…..si pagato dalla Tarros ma a scapito di quanti anni di sconto sull’affitto delle strutture! Sempre € 480.000 è costato a noi cittadini…forse avevamo qualche altra priorità?? Quante zone di Sarzana sono ancora prive del collegamento alla rete fognaria?



Lascia un commento