Sarzana, che Botta!

« D’una città non godi le sette o settantasette meraviglie, ma la risposta che dà ad una tua domanda »

Italo Calvino


Miracolo Levanto: in diciotto mesi differenziata schizzata al settanta per cento

 Quando in consiglio comunale a Sarzana l’amministratore delegato di Acam Garavini ha affermato che i rifiuti della nostra provincia continueranno ad andare in discarica per almeno altri cinque anni, perché i risultati della raccolta “porta a porta” richiedono un lustro per arrivare al 65 per cento previsto dalla normativa europea, il nostro pensiero è volato Levanto, esempio molto prossimo che i “miracoli” nel settore si possono fare. Occorre vedere l’impegno che ci si mette, le risorse, ma soprattutto la volontà di chiudere con le resistenze clientelari e corporative di Acam.

cliccare sull'immagine per ingrandire (il grafico certificato al 2012 è già superato nei sei mesi 2013)

Il Comune di Levanto si è messo in proprio e ha imboccato con decisione la strada della raccolta differenziata col sistema “porta a porta” nel gennaio 2012. Senza anticipare la relazione che l’assessore Luigi Gino Lapucci  svolgerà venerdì 19 al Chiostro di San Francesco (Sarzana – inizio ore 21,15), che vale la pena seguirla dal vivo, Levanto a quella data inviava in discarica il 63,6 per cento dei suoi rifiuti urbani. Dunque riciclava solo il 26,4 per cento. Addirittura non separava l’organico!
Lo smaltimento delle 3000 tonnellate di rifiuti costava al Comune (e ai contribuenti levantesi) 875 mila euro.
A fine 2012 la raccolta differenziata era salita al 57,4 per cento.
Alla fine di giugno 2013 l’indifferenziato da discarica è crollato al 31,1 per cento. Cioè Levanto è rientrato in diciotto mesi nei parametri europei e li ha superati. Il costo dello smaltimento nel 2012 è crollato a 190 mila euro.
Come ha fatto Levanto a sfiorare il 70 per cento? Questo ce lo racconterà venerdì 19 l’assessore Lapucci.

Informazioni sull'articolo

Data
giovedì, 18 luglio 2013

Tags

Lascia un commento