Sarzana, che Botta!

« L’architettura è un fatto d’arte, un fenomeno che suscita emozione (...). La Costruzione è per tener su: l’Architettura è per commuovere »

Le Corbusier


Idroelettrica

centrale_idroelettricaL’energia idroelettrica sfrutta l’energia gravitazionale – posseduta da masse d’acqua in quota – che, nel superamento di un  dislivello, viene trasformata  in energia cinetica e, grazie ad un alternatore accoppiato ad una turbina, in energia elettrica.

L’energia idroelettrica viene ricavata dal corso di fiumi e di laghi grazie alla creazione di dighe e di condotte forzate. Esistono vari tipi di diga: nelle centrali a salto si sfruttano grandi altezze di caduta disponibili nelle regioni montane. Nelle centrali ad acqua fluente si utilizzano invece grandi masse di acqua fluviale che superano piccoli dislivelli; per far questo però il fiume deve avere una portata considerevole e un regime costante.

Oltre il 20% della produzione elettrica mondiale proviene da impianti idroelettrici di piccole e grandi dimensioni.

digaL’energia idroelettrica è una fonte di energia pulita (non vi sono emissioni), alternativa e rinnovabile; tuttavia la costruzione di dighe e grandi bacini o invasi artificiali, con l’allagamento di vasti terreni, apporta sempre e comunque un certo impatto ambientale che nei casi più gravi può provocare lo sconvolgimento dell’ecosistema della zona con grandi danni ambientali, come è successo con la grande diga di Assuan in Egitto, oppure rischi di tipo idrogeologico come accaduto nel disastro del Vajont.

Link utili (1) (2)

Informazioni sull'articolo

Data
venerdì, 6 maggio 2011

Sezione

Tags

Lascia un commento